Home Info e comunicazioni News Giornata splendida a S. Biagio.

Visite pagina: 16742

Giornata splendida a S. Biagio.

E serata in festa per i novant’anni della signora Concetta Carrea

Giornata splendida e anche più gente rispetto agli ultimi anni. Merito della giornata di sabato, giorno in cui ancora si riesce a non lavorare. Ma pare che durerà poco, in quanto le fabbriche giù in Val di Sangro sono piene di lavoro, specie la Sevel, che col nuovo veicolo Ducato ha quasi raddoppiato negli ultimi due anni la sua manodopera. Molto bene, dunque, ben venga il lavoro e il benessere. Che ha però il cosiddetto ‘rovescio della medaglia’ nel fatto che le tradizioni stanno morendo, in quanto per mantenerle ci vuole disponibilità e tempo per mantenerle in vita. Ci vuole gente. E la gente sembra tutta risucchiata nelle fabbriche e non solo…
Ma sabato scorso vi è stata l’eccezione. Gruppi di amici si sono ritrovati in piazza e lungo la strada ‘ornata’ dalle bancarelle, qualcuno dei colledimezzesi sposati ‘fuori’ sono tornati per S.Biagio. Si è visto anche il mitico N’col’ la Post’, ufficiale postale a Colledimezzo per più di venti anni.
Gli anziani si sono scaldati al sole ‘estivo’ che sta perdurando da ottobre, con grande preoccupazione per la primavera e l’estate prossime, quando sicuramente l’acqua mancherà mettendoci tutti in seria difficoltà. Si è comprato poco, salvo qualcuno degli anziani che ha acquistato le piante per la campagna.
Si sono visti molti devoti dei paesi nei dintorni venire a ungersi con l’olio di S.Biagio, taumaturgico della gola, e ciò dalla mattina alla sera, quasi come ai vecchi tempi. Inutile dire che la fiera non è durata, come allora, per tutta la giornata. A mezzogiorno era già tutto sparito. Ma molta gente era in piazza dopo pranzo per il caffè, come succede la domenica. S. Biagio è un’altra festa da spostare al sabato per ragioni di assenza da lavoro, dunque?
Crediamo di no, per S. Biagio sarebbe un assurdo.

La sera di S. Biagio è stata allietata dalla festa di compleanno della signora Concetta Carrea
- Cunc’ttin’ Cindill’ -, mamma di Pio Di Nardo. Eravamo in tanti, e si è mangiato, ballato cantato, al Castello D’Avalos, locale messo a disposizione dalla nostra Pro Loco. Ottima l’organizzazione, visto che eravamo in cento più o meno, seduti, con menù da ristorante, con primo, secondo, frutta e dolce. Valeva la pena dato che la vispa e vitale Zà Cunc’ttin compie la bellezza di novant’anni!
Tanti auguri a lei da parte di tutti i Colledimezzesi, vicini e lontani…


Camillo Carrea

camillocarrea@virgilio.it