Home Info e comunicazioni News Autunno…. non certo una stagione ’morta’ per Colledimezzo

Visite pagina: 16743

Autunno…. non certo una stagione ’morta’ per Colledimezzo

In questi giorni l’estate di San Martino - o quella che gli americani chiamano Indian Summer - sta regalandoci delle splendide giornate.

Giornate chiare, cristalline. Non si può naturalmente parlare di caldo ma si sta bene al tepore del sole novembrino. Sono, queste, le giornate ideali per ‘sbrigare’ nel più breve tempo possibile la raccolta delle olive. Una annata così così, a quanto dicono. Sufficiente, però, a ridare alla campagna – sia pure per poco - le voci e l’atmosfera di un tempo. In questi giorni infatti le campagne silenziose e assolate tornano a essere ciò che sono state fino a cinquanta or sono, quando la civiltà contadina era ancora in vita, anche se ormai in fase di decadenza. Vigne, orti, campi di grano, olive, davano alla campagna la presenza costante dell’uomo che la accudiva in quanto fonte di sostentamento. Così in questi giorni il tempo sembra essere tornato indietro. Voci, richiami, grida e risate riempiono l’aria e colorano la campagna insieme all’autunno che in modo meraviglioso, come sempre, ha dipinto i nostri boschi e la campagna dei suoi colori smaglianti e vivi. Un invito al vivere, perché i colori sono vita, appunto. E quantunque l’autunno venga accostato alla declino, al decadimento, si può dire che i colori che lo animano siano invece un’ esortazione alla serenità, se non alla gioia. Questi colori ci riportano alla mente la bella canzone di Domenico Modugno, ‘Meraviglioso’, riportata al successo recentemente dai Negramaro, o il precedente motivo sugli stessi concetti - un capolavoro anche questo - cantato da Louis Armstrong, ‘What a Wonderful life’ …. Le varie iniziative della Pro Loco stanno dando vita a questo autunno, la prima di queste è stata l’ormai tradizionale Festa d’autunno al Castello D’Avalos, sabato 24 Ottobre, nella quale ci si aspettava più gente, ma di questi tempi - accennati nel precedente articolo ‘Dove eravamo rimasti ‘, - non vi è da aspettarsi quello che sarebbe l’ideale per un piccolo paese come il nostro: una vera riunione di tutta la popolazione, come avveniva molto tempo fa. Peccato, perché i ragazzi della nostra Pro Loco meriterebbero ben altro, per l’impegno e il lavoro profuso in queste iniziative, in cui l’appello e l’invito a intervenire è per tutti. Ma nonostante ciò, come sempre ci si è trovati bene insieme, gustando la pasta e le pizze e bagnando il tutto con del buon vino e la birra alla spina. Per allietare ancor di più la serata Virgilio Di Nardo ha messo a disposizione il suo impianto voce per il karaoke. Il 17 novembre sono iniziati i corsi di ginnastica – sempre per iniziativa della Pro Loco – come i corsi di ballo, ormai una’istituzione. Inoltre il Direttivo è in attesa di iscritti per la gita a Napoli, presso i presepi, che si dovrebbe tenere il 28 Novembre. In pochi si era anche al concerto del 7 Novembre - sempre al Castello D’Avalos - in cui valentissimi musicisti di Tango hanno suonato - nonostante si fosse in venti o poco più - con impegno e passione: tanto da meritare i lunghissimi applausi del pubblico. Le atmosfere magiche dei tanghi di Astor Piazzolla hanno riempito l’aria e ci hanno persino commossi. Peccato per chi non ha potuto assistere. Domenica 25 Ottobre altra iniziativa della Pro Loco: quella di promuovere la vendita di un prodotto ortopedico particolare - un materasso in lattice completo di struttura in legno e cuscini anticervicale che sostituiscono rispettivamente la classica rete e il classico cuscino. Vi è stata l’illustrazione - da parte di uno degli addetti dell’azienda altoatesina Ipoh – del prodotto terapeutico, ottimo per la cura delle lombaggini, delle ernie discali e, come già accennato, delle artrosi cervicali. Diverse famiglie hanno acquisito il prodotto dopo la chiarissima esposizione dell’addetto commerciale, che si è avvalso del prodotto stesso portato in presenza degli interessati, che hanno potuto sperimentare il comfort davvero fuori del comune del prodotto. Ma l’attivismo della Pro Loco di Colledimezzo non si ferma qui: infatti la più interessante e lodevole della inziative è – a nostro avviso – quella di domenica 13 dicembre: pranzo di Beneficienza al Soffio. Come si può leggere sulla locandina riportata su ‘photo’ 2009 il ricavato sarà devoluto alla Associazione ‘Il Cireneo’ Onlus che assiste le persone affette da sindrome autistica. Un plauso quindi ai ragazzi della Pro Loco per la prova di sensibilità e di altruismo dimostrati in questa e come in altre occasioni anche dal precedente Direttivo. E’ ricominciato il nostro Campionato di calcio in Terza categoria. Attualmente i risultati ottenuti dalla nostra squadra non sono dei più lusinghieri, nonostante le intenzioni della dirigenza siano di disputare un campionato di primo piano. Si spera in un miglioramento nel corso del campionato, anche per festeggiare degnamente il trentennale della fondazione. Certo, la qualità dei giocatori, almeno sulla carta, quest’anno darebbe diritto agli appassionati di sperare molto di più. Vorremmo aggiungere che, a nostro modo di pensare, e’ importante averla, in un paese come il nostro, una squadra di calcio, a prescindere dai risultati. E’ importante – sempre secondo chi scrive - che i ragazzi che giocano siano espressione - il più possibile - del nostro paese. Per il resto crediamo che sia doveroso un augurio ai dirigenti tutti – il cui impegno è sempre gravoso e non sempre riconosciuto - e ai giocatori per un buon campionato e soprattutto di divertirsi stando insieme, che è il vero scopo per una squadra di paese. Sabato 21 Novembre si è tenuto il Consiglio Comunale, la cui parte più interessante è stata la comunicazione del sindaco che riguarda la messa in sicurezza delle zone a rischio di dissesto geologico presenti nel nostro paese. La più visibile è senz’altro quella che riguarda il lato ovest di Colledimezzo, in altre parole la ‘ Ripa’. E la parte della frana del 1973. Vi è stata una ulteriore richiesta dell’Amministrazione di un finanziamento per poter rendere sicure queste zone, che riporterebbe, come conseguenza più che probabile, la riapertura della strada provinciale che porta alla ‘Macchia’…. Visti i tempi che stiamo attraversando non sarà facile. L’impegno - come sempre - non mancherà. Camillo Carrea